burnout

Dal 15 al 16 ottobre presso la casa dei padri oblati missionari di Rho l’Associazione Famiglia della Luce con Camilla organizza un corso per sacerdoti e consacrati “Aiutare senza bruciarsi come fare?” Gestire la fatica del ministero e non cadere nella sindrome del bournout.

volantino

I consacrati, pur sostenuti dalla grazia, possono vivere durante il loro ministero momenti di esaurimento psico-fisico-spirituale. D’altronde la Chiesa è un “ospedale da campo”, dove giungono molteplici richieste di aiuto materiale, relazionale e spirituale. Inizialmente si è portati a rispondere con entusiasmo e, forse, con un po’ di incoscienza. Ci sono due convinzioni assai pericolose che portano alla trappola: “Se non lo faccio io non lo fa nessuno” e “Come lo faccio io non lo fa nessuno”. E in questo eccesso di cura al prossimo si finisce per non curare sé stessi. Subentra allora la stanchezza, la delusione e la frustrazione e si rischia di cadere nel “burnout”, una sindrome che porta al disimpegno, alla rabbia e alla depersonalizzazione. Padre Luciano Sandrin ci insegnerà come non cadere in questa trappola e ci offrirà spunti per recuperare la gioia e la pienezza del ministero. I counselor pastorali Elisabetta Fezzi e Fabrizio Penna saranno invece disponibili per colloqui personali in grado di evidenziare i punti deboli e focalizzare i punti di forza

Padre Luciano Sandrin è un sacerdote psicologo e teologo pastorale camilliano. Ha insegnato per molti anni Psicologia della salute e della malattia all’Istituto Internazionale di Teologia Pastorale Sanitaria Camillianum di Roma, del quale è stato anche preside, ed è stato docente alla Pontificia Università Gregoriana e all’Istituto Pastorale del Laterano. Attualmente insegna Psicologia al Centro Camilliano di Formazione di Verona e Pastorale della salute alla Pontificia Università Urbaniana. È autore di diversi libri, tra i quali, “Compagni di viaggio”; “Il malato e chi lo cura” (2000); “Come affrontare il dolore”; “Capire, accettare, interpretare la sofferenza” (2005); “Un’età da vivere. Invecchiare meglio si può” (2007); “Aiutare senza bruciarsi. Come superare il burnout nelle professioni di aiuto”; “Abbi cura di te”; “Aiutare gli altri: La psicologia del Buon Samaritano” (2013); “Un cuore attento” (2016); “Lo vide e non passò oltre. Temi di teologia pastorale” (2017); “Resilienza. La forza di camminare controvento”; “Psicologia del malato. Comprendere la sofferenza, accompagnare la speranza” (2018).

Elisabetta Fezzi e Fabrizio Penna sono entrambi counselor pastorali, cofondatori della Famiglia della Luce con Camilla, esperti nell’ascolto empatico, nella relazione d’aiuto, nella psicologia della comunicazione e nella drammatizzazione biblica.

Per info e iscrizioni

Tel 366 2072156 Elisabetta – info@famigliadellaluce.it

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');