savoiardo

Pochi giorni fa si è concluso il cammino delle 10 parole nella città di Legnano, che era iniziato nel novembre 2016. Questo cammino fu proposto dopo la missione popolare fatta dai frati francescani, ottobre 2016 in tutte le parrocchie della città.

Riportiamo la testimonianza di Simonetta.

Ricordo che sono stata invitata a partecipare alle “10 parole” che si tenevano a Legnano, da una conoscente che le aveva fatte in precedenza. Senza dirmi molti dettagli di questo percorso, ha molto insistito perché ci riflettessi, e magari vi partecipassi.

Con molta franchezza posso affermare che in quel periodo, ero certa, di non avere nessun bisogno esteriore od interiore particolare: una vita senza scosse con alti e bassi che oggi definirei indispensabili, ma che in quell’periodo ritenevo “fisiologici”.

La proposta era semplice:” vai e poi decidi se continuare”… e nella mia testa il solito ritornello: “non sono abbastanza acculturata, ma chissà che succederà, e se mi chiedono qualcosa”…. e come tanti, che avevano aderito, sono andata al primo incontro e la scorsa domenica ho partecipato al ritiro conclusivo: le “10 parole!”

Potrei dire 10000 parole per descrivere il vissuto, ma me ne basta una che ha per me oggi un significato nuovo: AMATA!

Ma questa testimonianza è la mia… ve ne sono tante…

A voce alta, perché io possa riascoltarmi ancora, dico senza ansia, che avevo una visione della mia storia che in questo percorso ho rivissuta … e ho capito:” IO MI MERITO MOLTO DI PIU’!!!

Padre Francesco ha detto che il savoiardo secco è buono, ma che se lo inzuppi allora sì che diventa gustoso!

Simonetta

 

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');