Santa Maria in Trastevere - Annunciazione

14 novembre 2021
I DI AVVENTO (C)
Luca 21,5-28

Riflessione a cura di don Erminio Villa

1. Avvento: tempo di attesa

L’Avvento è il tempo che prepara nascite: il tempo di santa Maria nell’attesa del parto, tempo delle donne: solo le donne in attesa sanno cosa significhi davvero attendere. Ma non si attende solo la nascita di Gesù. 

«Ci saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia…» 

Il Vangelo ci prende per mano, ci porta fuori dalla porta di casa: a guardare in alto, a percepire il cosmo pulsare attorno a noi, a sentirci parte di una immensa vita. Che patisce, che soffre, che si contorce come una partoriente (Is 13 ,8), ma per produrre vita. Il presente porta nascite nel grembo. 

2. Avvento: tempo di crisi

Ma «quanto morir perché la vita nasca» (Rebora). È un tempo di crisi. C’è una crisi della Chiesa: diminuiscono le vocazioni, cresce l’indifferenza religiosa, l’istituzione ecclesiastica perde fiducia. 

Ma la fede ci permette di intravedere che la fine di un certo tipo di Chiesa può portare a un nuovo modo di vivere la fede, più essenziale, libero e convinto, pieno di cuore e di verità. 

È il nostro atto di fede: il regno di Dio viene, ed è più vicino oggi di ieri. 

Anche la crisi economica e finanziaria ci sta dicendo che dobbiamo cambiare strada e favorire un altro modello di economia, non fondato sulla logica della crescita infinita, che è insostenibile, ma su rispetto della natura, sobrietà e solidarietà.

3. Avvento: tempo di incoraggiamento

Il Vangelo d’Avvento ci aiuta a non smarrire il cuore, a non appesantirlo di paure e delusioni: 
«state attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano».

Ci sarà sempre un momento in cui ci sentiremo col cuore pesante, scoraggiati.  Chi non ha provato – di recente o in passato – lo scoraggiamento? Magari anche più volte… Ma non bisogna tenergli il posto, permettergli di mangiare nel nostro piatto, stare seduto sul trono del nostro cuore. 

Il motivo è questo: fin dentro i muscoli e le ossa sappiamo una cosa: non può esserci disperazione finché uno ricorda perché è venuto sulla terra, di chi è al servizio, chi lo ha ha mandato qui. E chi sta venendo: «allora vedranno il Figlio dell’uomo venire con grande potenza e gloria».

Questo mondo contiene Lui! Che Viene, che è qui, che è più grande di noi; c’è un Liberatore, esperto di nascite, in cammino su tutte le strade. 

«Alzatevi, guardate in alto e lontano, perché la vostra liberazione è vicina».

Uomini e donne in piedi, a testa alta, occhi alti e liberi: così vede i discepoli il Vangelo: gente dalla vita verticale. 
Il Vangelo ci insegna a leggere il presente e la storia come grembo di futuro, a non fermarci all’oggi, ma a guardare avanti: questo mondo porta un altro mondo nel grembo. Un mondo più buono e più giusto, dove Dio viene, vicino come il respiro, vicino come il cuore, vicino come la vita.

-- 
don Erminio

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');