100 anni dopo il primo genocidio del Novecento:

TESTIMONI E GIUSTI NEL GENOCIDIO ARMENO.

2 dicembre 2016,venerdì, ore 10:00, Auditorium Mantovani Furioli (Collegio Padri Oblati, corso Europa 228, Rho)

  Incontro con Anna Maria Samuelli  Ordinaria di filosofia e storia nei licei milanesi     

     Pietro Kuciukian  Medico chirurgo.  Vive e lavora a Milano e si occupa delle relazioni Italia-Armenia per conto dell’ambasciata della  repubblica d’Armenia.

Ricordare significa opporsi con atti di conoscenza all’indifferenza e insieme impegnarsi per costruire un futuro diverso. Nel quadro del primo conflitto mondiale (1914-1918) si compie, nell’area dell’ex impero ottomano, in Turchia, il genocidio del popolo armeno (1915 – 1923), il primo del XX secolo. Con esso il governo dei Giovani Turchi, che ha preso il potere nel 1908, attua l’eliminazione dell’etnia armena, presente nell’area anatolica fin dal VII secolo a.C. Nella memoria del popolo armeno, ma anche nella stima degli storici, perirono i due terzi degli armeni dell’Impero Ottomano, all’incirca 1.500.000 persone. Molti furono i bambini islamizzati e le donne inviate negli harem. La deportazione e lo sterminio del 1915 sono stati preceduti dai pogrom del 1894-96 voluti dal Sultano Abdul Hamid II e da quelli del 1909 attuati dal governo dei Giovani Turchi.

INGRESSO GRATUITO SU PRENOTAZIONE

                                                                                                                                  

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');