SIGNIFICATO – mistero del tempio

La tradizione non consiste nel mantenere le ceneri

ma nel mantenere viva una fiamma.

(Jean Léon Jaurès)

Come è scritto nella Legge” (Lc 2,23a). Si fatica a sciogliersi dai legami di una religio – come di un relegare – che smarrisce il significato.

Testimonianza perenne di come è preferibile rifugiarsi nel già-scritto, nel già-detto, sottraendosi all’evento. Il nuovo costa fatica intellettiva e, ancor di più, affezione.

Scontro ancestrale tra Tradizione e tradizionalismo. Quest’ultimo, quasi sempre, il vincitore.

Fare quello che si è sempre fatto è sempre garanzia di nulla; generatore di falso conforto in chi lo pratica. Abbiamo comunità ferme a questo (non)principio. Il più terribilmente anti-evangelico. Il più pericolosamente ateo.

Maria e Giuseppe, pur abitando il Mistero – tanto che “si stupivano delle cose che si dicevano di lui” (Lc 2,33b) – si muovono per convenzione di fede: “secondo la Legge di Mosè” (Lc 2,22b).

Il tempio di Gerusalemme è icona monolitica di stasi. Offre sicurezza al suo interno; le nostre chiese sono diventate luoghi di isolamento dal reale. Perdere il con-tatto è inevitabile.

La dimenticanza è possibile solo tra quattro mura. E paiono dimentichi che la Sua presentazione avvenne tempo prima; ma a loro. E’ la stessa ironia di molte nostre celebrazioni. E’ la dimenticanza di essere (s)oggetto di Lui, illudendoci di giocare al ruolo di protagonista.

E’ Simeone, “uomo giusto e pio” (Lc 2,25b), a rompere il sonno comodo di un’insignificanza tesa all’annullamento: “egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione” (Lc 2,34b).

In un attimo ritornano alla realtà dell’evento. Quel Bambino è destinato alla paradossalità. Egli, in-, incarna il fuoco e al contempo acqua, “per fondere e purificare” (Ml 3,3a).

Fu la Sua epifania nel tempo, “diventando servitore dei circoncisi per mostrare la fedeltà di Dio” (Rm 15,8a). Credettero di compiere un atto di culto dovuto nel tempio ma stavano consacrando a Lui l’intera esistenza.

Fin da subito apparve chiaro che l’era del tempio era conclusa in quanto Egli inaugurava l’era del tempo, unico e vero tempio del Divino. La storia in toto venne a Lui legata indissolubilmente.

Alessandro

Epifania di tempo.

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');