Presentazione di Gesù al Tempio | Giotto

2 febbraio 2020
IV DOMENICA DOPO L’EPIFANIA
Luca 2, 22-33

Riflessione a cura di don Erminio Villa

1. “Portarono il bambino a Gerusalemme, per offrirlo al Signore.

Maria e Giuseppe si recano nel Tempio con la gioia di due giovani sposi cui è nato un figlio. Ma sono anche consapevoli che non gli appartiene, perché porta nella sua carne l’impronta di Dio. 
L’esperienza più ordinaria s’intreccia con quella più straordinaria. 

Il Mistero è nascosto nella storia! Immaginiamo la loro trepidazione. 

Altre volte sono andati al Tempio, come umili pellegrini confusi tra la folla; anche in questo caso tutto è avvolto dalla quotidianità, ma loro sanno di custodire il mistero di Dio. 

Il bambino non può ancora parlare, ma anche loro sono in-fanti, non sanno parlare, non hanno parole per spiegare l’evento, potrebbero raccontare i fatti accaduti, ma tutto appare così incredibile. 

Anche ai loro occhi è meglio tacere e lasciare che sia Dio a parlare. 
E Dio parla attraverso il vecchio Simeone che prende tra le sue braccia il Bambino e dice parole misteriose e sorprendenti, anche per Maria e Giuseppe (2, 33). 

2. Vivere in compagnia di Dio non significa camminare lungo strade fasciate di luce.

Al contrario: chi vuole arrivare alla Luce che non conosce, deve avere il coraggio di esplorare vie che non ha mai percorso. 
Maria e Giuseppe hanno ricevuto la visita degli angeli, hanno accolto parole misteriose che vengono dal Cielo, eppure restano in silenzio. Profeti muti. 

Il loro silenzio è al servizio di quella Parola. Non pretendono di capire tutto né di spiegare tutto. Portano tra le braccia Colui che è la definitiva Parola Dio, che il tempo non potrà consumare. 

Chi porta Gesù deve lasciare a Lui il primo posto, non poche volte le nostre parole soffocano l’eterna Parola, la nostra ansia di protagonismo toglie a Dio il posto che gli spetta.

“Dio, il primo servito”: era la regola della famiglia Martin, che aveva scelto la Famiglia di Nazaret come modello ideale. Dia anche a noi il Signore la grazia del silenzio orante…

3. “Portarono il bambino a Gerusalemme, per offrirlo al Signore”.

Il figlio è loro, eppure non è loro. Il figlio è dato, ma subito è offerto ad un altro sogno. I genitori intrecciano così il destino di una famiglia e il destino del mondo. 
Lì, nel tempio, incontrano Simeone e Anna, due anziani straordinari, carichi di anni, ma vivi dentro; non chiusi custodi di ricordi, ma profeti di futuro, aperti agli altri: simboli grandi di una vecchiaia sapiente e viva, che vede ciò che altri non vedono ancora. 

Simeone sale al tempio, ha fiducia, aspetta, nonostante l’età avanzata.

E fa bene. Vede una giovane madre, che stringe un neonato avvolto in un manto, accanto a lei il suo sposo, che porta due colombe per il sacrificio, l’offerta dei poveri. E capisce. Perciò loda e ringrazia Dio di essersi manifestato così: nella debolezza della carne rifulge davanti a tutti la luce del mondo. Che folle, la logica di Dio!

4. “Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti, segno di contraddizione”.

Tre parole che danno respiro alla vita: contraddizione nel cuore della logica umana, rovina di idoli e illusioni, risurrezione di tutti i germi vitali e amorosi ai quali non riusciamo a dare respiro e terreno.

5. “Anche a te una spada, Maria”: 

Simeone lega Maria non solo alla croce del figlio, ma a tutta la messe di lacrime e di contraddizioni del Vangelo e dell’esistenza. Non è esente. 
La fede non produce l’anestesia del vivere. La fede e la santità non sono, per lei come per noi, un’assicurazione contro la sofferenza o i lutti o le disgrazie. Il dolore la legherà a tutti i trafitti .

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');