Siamo ormai giunti a Natale. Toccati e anche un po’ frastornati da mille messaggi, vogliamo riflettere su ciò che sta capitando.
E ci chiediamo:
che cos’è il Natale? Che cos’è per me, per tutti e per ciascuno il Natale oggi.

Cerchiamo di dirlo partendo dalla periferia e andando al centro.

  • C’è stato un momento in cui forse, abbiamo pensato che il Natale si riducesse semplicemente a una corsa al consumo. L’abbiamo pensato forse più con i fatti che con i ragionamenti. E un po’ ci hanno spinto a questo le luminarie e la frenesia delle compere, un po’ la schiavitù del “si usa così” e “come si fa a non fare” e “che Natale sarebbe senza…”.

Ora ci accorgiamo che non è vero: Natale non è uguale a “consumo” e “operazione commerciale”. C’è sì anche qualche simpatico regalo, ma Natale non è li. Ci può essere uno splendido Natale senza alcun regalo, e ci possono essere splendidi regali senza alcun Natale.

  • Allora è venuto un secondo momento in cui ci è sembrato di capire che Natale è “la pace, la bontà, la fratellanza”.

E quanto più queste cose mancano nel mondo, tanto più ci è parso di poterle desiderare per Natale, almeno per un po’, per qualche ora, per un giorno, in famiglia, con i bambini, salutandoci tutti e facendoci gli auguri per un Anno Nuovo migliore.
“Che cosa nasce a Natale?” abbiamo pensato: nasce nulla, ma sarebbe già tanto se nascesse un po’ di buon accordo tra le persone, tra i partiti politici, tra le Nazioni; un po’ di altruismo là dove invece di solito regna la sopraffazione, l’approfittamento, l’imbroglio: in società, per la strada, sul lavoro.

Natale di un mondo migliore, più umano, o almeno meno disumano…
Ci accontentiamo di poco…, abbiamo pensato.
Nascesse anche solo questo, che bel Natale!

  • E invece, amici, ci è dato di più.

A noi che, allenati alle disillusioni, volevamo accontentarci di poco, è dato molto e molto di più, è dato il Dono, il vero Regalo, è dato il vero Natale, è dato qui, è dato ora.

  • Avete sentito quello che dice l’angelo in sogno a Giuseppe: “Il bambino che nascerà da Maria tu lo chiamerai Gesù: infatti, egli salverà il suo popolo dai suoi peccati”.

Oggi è il Natale della salvezza.
Che cosa significa?

Significa che quel Dio che ci ha creati, per il Quale tutto esiste, ha deciso di entrare nella nostra storia per salvarci; ed è entrato facendosi Uomo in Gesù di Nazaret; e questo Gesù ha compiuto la sua opera di salvezza vivendo tra noi; e questa vita salvatrice ha avuto un inizio, quando Lui è nato: il suo Natale.

Oggi dunque nasce la salvezza, perché nasce il Salvatore; oggi il nostro cuore si riempie di immensa gioia perché ci rendiamo conto di aver ricevuto la più grande delle fortune: che un Dio abbia incominciato a mettersi in cerca dell’uomo per salvarlo.

  • Non è il Natale delle compere.
  • Non è il Natale dei buoni sentimenti dell’uomo, semplicemente…
  • È il Natale di Dio, è la nascita di Colui che vivendo tra noi ci salverà, è il Natale della salvezza.
  • Ma ecco il rischio, ecco la grande alternativa:

Questo Dio che nasce, alcuni lo accolgono e alcuni no. Qui è la suprema divisione.

“Venne tra la sua gente ma i suoi non l’hanno accolto (dice San Giovanni). A quanti però che l’hanno accolto ha dato il potere di diventare figli di Dio”.

E in che cosa consiste l’accoglienza o la non accoglienza?

Consiste nella fede o nell’incredulità:

“Ha dato il potere di diventare figli di Dio, a chi? A quelli che credono nel suo nome”.

Video: Presepe del Carsana in Santuario

Sulla fede dunque si gioca la vita, si gioca la salvezza, sulla fede si distingue il modo di fare il Natale del Signore: lo accoglie chi crede, e naturalmente vive poi in conformità con questa fede. Non lo accoglie chi non crede.

  • E allora se c’è un dono di Natale che chiediamo al Dio Bambino è proprio questo: la fede. La fede in Lui.
    • Vi accorgete, amici, di quanta fatica facciamo a credere? A credere in Dio, a fidarci di Lui, a credere nell’uomo, nel futuro dell’uomo e del mondo (abbiamo tanta paura…), fatica a credere nel prossimo (c’è in noi tanta istintiva diffidenza, causata anche da delusioni subite), fatica a credere in qualche ideale, fatica a credere in qualcosa che comunque vada al di là di ciò che si tocca con le mani e si vede con gli occhi…
    • Abbiamo tanti bisogni, ma il più grande e il più urgente è il bisogno di fede.

    Tra gli auguri ricevuti in questi giorni, ce n’è stato uno particolarmente bello, è una frase di Saint Exupéry:

    “Ecco il segreto della vita. È molto semplice: non si vede bene che col cuore; l’essenziale è invisibile agli occhi”.

    Mettete “fede” al posto di “cuore”, e diventa il mio augurio a voi.

  • Possiate vedere con la fede: e possiate accorgervi e ricordarvi lungo l’anno che la Chiesa, la Messa festiva, è il luogo dove – nonostante i difetti degli uomini di Chiesa – gli occhi della fede si aprono, si impara a vedere l’essenziale, si scopre dunque il “segreto della vita”.

padre Mario Chiodi

One Coment, RSS

Commenti

(function(i,s,o,g,r,a,m){i['GoogleAnalyticsObject']=r;i[r]=i[r]||function(){ (i[r].q=i[r].q||[]).push(arguments)},i[r].l=1*new Date();a=s.createElement(o), m=s.getElementsByTagName(o)[0];a.async=1;a.src=g;m.parentNode.insertBefore(a,m) })(window,document,'script','//www.google-analytics.com/analytics.js','ga'); ga('create', 'UA-60967609-1', 'auto'); ga('send', 'pageview');